BONUS CULTURA

Sia per il 2018 e per il 2019 è stato confermato il contributo di 500 euro destinato ai giovani, residenti in Italia che compiono 18 anni. I neo maggiorenni potranno acquistare libri, musica ma anche biglietti per teatri, cinema, musei e corsi di formazione.

I nati nel 2000, che quindi diventeranno maggiorenni nel corso del 2018, potranno usufruire del bonus da spendere in prodotti culturali.

Per richiedere il beneficio è necessario dotarsi dello SPID, un’identità digitale che permette di accedere a numerosi siti della Pubblica amministrazione, attraverso il seguente sito delle Poste Italiane: https://posteid.poste.it/identificazione/identificazione_devisu.shtml e successivamente recarsi ad un ufficio postale per l’autenticazione, dove saranno date le informazioni necessarie per ultimare la procedura.

BONUS BEBE’

Per incoraggiare le nascite è stata introdotta con la finanziaria del 2015 una nuova misura attraverso la quale si aiutano le famiglie ad affrontare alcune spese iniziali per ogni figlio nato o adottato ed il beneficio dura fino al compimento dei 3 anni di età del bambino/a.

Il bonus bebè viene richiesto tramite una domanda presentata all’INPS entro i 90 gg dalla nascita o adozione.
Tale agevolazione spetta alle famiglie che siano in possesso di tali requisiti:

_ Un’ISEE inferiore ai 25000 euro annui, con la quale vengono riconosciuti 80 euro mensili
_Un’ISEE inferiore ai 7000 euro annui, con la quale vengono riconosciuti 160 euro mensili.

Scarica l’articolo in PDF

PREMIO NASCITA (BONUS MAMMA DOMANI)

Sostegno che viene erogato dall’Inps per la nascita, adozione o affido di un minore.

Il beneficio è di 800 euro concessi in un’unica soluzione in relazione ad ogni figlio.

Si può richiedere:
_ al compimento del settimo mese di gravidanza (inizio ottavo mese)
_ successivamente al parto
_ a seguito di adozione nazionale o internazionale
_ a seguito di affidamento preadottivo nazionale

Per la sua erogazione non necessita la presentazione dell’ ISEE, il beneficio è destinato a tutte le mamme a prescindere dal reddito familiare.

Scarica l’articolo in PDF

REDDITO DI INCLUSIONE (REI)

Sussidio nato al fine di contrastare la povertà ed a delineare uno scenario più incoraggiante per le famiglie residenti in Italia con difficoltà economiche.

Per accedere al beneficio al contribuente occorre presentare un’apposita domanda ed avere un’ISEE in corso di validità, quest’ultimo non deve superare i 6000 euro come indicatore ed inoltre il valore ISR indicato nell’attestazione non superiore ai 3000 euro. Il tutto lo si fa attraverso un centro CAAF autorizzato.

Viene data precedenza nell’ausilio a famiglie che al loro interno abbiano figli minori, disabili, donne in gravidanza oppure disoccupati con più di 50 anni.

La durata del beneficio è di 18 mesi e può essere nuovamente richiesto dopo un intervallo di 6 mesi per altri 12 mesi. L’importo mensile va da 190 euro per le famiglie composte da una sola persona a circa 490 euro per quelle con almeno 5 componenti.

L’erogazione del reddito di inclusione spetta all’INPS ed avviene per mezzo di una carta di pagamento elettronica.

Il REI non è cumulabile con altri ammortizzatori sociali (es. Naspi) ed è escluso da tassazione.

Scarica l’articolo in PDF